fbpx
Bullismo: scappa da casa il primo giorno di scuola - CriminalMente
Bullismo: scappa da casa il primo giorno di scuola
Tempo di lettura: 2 minuti

Bullismo: scappa da casa il primo giorno di scuola. Ha 13 anni (il nome, ovviamente, non lo conosciamo) ed è scappato da casa per paura di subire le violenze e gli insulti dei bulli. Lo scorso anno, infatti, era stato ripetutamente preso di mira da un gruppo di compagni. La vicenda è avvenuta a La Maddalena, in Sardegna.



Del ragazzo, dopo la fuga, si sono perse le tracce per alcune ore. Dopo diverse ore di ricerche è stato ritrovato a Caprera dai Carabinieri. E alle domande sulle motivazioni della fuga, il ragazzo avrebbe raccontato tutto. Le vessazioni, le umiliazioni e le prese in giro. Tutto già noto ai genitori che avevano segnalato gli episodi alla scuola.

Bullismo: scappa da casa il primo giorno di scuola

Bullismo: scappa da casa il primo giorno di scuola. L’allarme e il ritrovamento

Era il primo giorno di scuola. I genitori del ragazzo sarebbero andati a svegliarlo di prima mattina ma nel suo letto non avrebbero trovato nessuno. Quindi hanno contattato le Forze dell’Ordine alle quali si sono uniti un gruppo di volontari per la ricerca del giovanissimo. E dopo qualche ora, grazie proprio al passaparola e al lavoro dei Carabinieri, il ragazzo è stato trovato a Caprera dalla quale si può accedere attraverso un ponte che la collega a La Maddalena.



Dopo l’ottimo lavoro di ricerca, il ragazzo ha potuto riabbracciare i genitori. Al padre ha spiegato che avrebbe preferito non tornare mai più in quella scuola. I compagni lo avevano bullizzato per tutto l’anno scolastico precedente. Poi, ha riferito tutto ai Carabinieri facendo anche i nomi di quei ragazzi che hanno trasformato la scuola in un inferno. I genitori, a questo punto, starebbero valutando la possibilità di sporgere denuncia.

Le reazioni della scuola.

L’istituto scolastico ha scelto la linea del silenzio. La stessa linea, però, non è stata scelta dai genitori di alcuni ragazzi della stessa scuola che si sono dichiarati basiti. Hanno la sensazione che l’ambiente sia, in realtà, sereno. Gli insegnanti non avevano riferito nulla prima d’ora. Insomma, nessuno ha visto o sentito nulla. Tuttavia, c’è una vittima che ha subito vessazioni e insulti, e le Forze dell’Ordine, in caso di denuncia, avranno tanto da fare.

Bullismo: scappa da casa il primo giorno di scuola

Chi, invece, si è mostrato preoccupato è il sindaco di La Maddalena, Luca Montella, che ha dichiarato: “È un fenomeno al quale bisogna guardare con grandissima attenzione. Il Comune farà la sua parte per sensibilizzare i giovani su un reato in drammatica ascesa: noi siamo pronti a promuovere incontri e iniziative“.

 

Fonti: Ansa.it; Il Messaggero.

Roberto Molino

Redazione CriminalMente



Leave comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: