fbpx
Clochard dato alle fiamme a Torino - CriminalMente
clochard dato alle fiamme
Tempo di lettura: 2 minuti

Clochard dato alle fiamme a Torino. È successo nella giornata di sabato 28 ottobre. L’uomo è un sessantenne di nazionalità rumena, ora ricoverato all’ospedale San Giovanni Bosco.



Il fatto si è verificato nel quartiere Aurora, noto per la massiccia presenza di diverse comunità straniere, nel giardino Madre Teresa di Calcutta. L’uomo è ancora in prognosi riservata.

clochard dato alle fiamme

Clochard dato alle fiamme a Torino: le indagini

La Polizia di Stato si sta occupando delle indagini. Sono state raccolte le prime testimonianze che hanno descritto un uomo con il cappuccio della felpa tirato su. Secondo la ricostruzione avrebbe coperto di alcol Gheorghe (questo il nome del clochard) e gli avrebbe dato fuoco con un accendino. Poi sarebbe scappato in direzione Corso Novara.

clochard dato alle fiamme

Gheorghe avrebbe ustioni di secondo e terzo grado al volto. Inoltre ha un edema alla gola ed è stato sedato e intubato. Vive da circa 10 anni nel quartiere Aurora e sono in tanti a conoscerlo. La Polizia acquisirà anche i video di sorveglianza di una telecamera installata circa 15 giorni fa davanti alla sede della circoscrizione.

Nelle ultime ore sarebbe stato fermato un sospettato. La Polizia lo interrogherà in merito alla vicenda, ma non ci sono ancora conferme sull’identità di quest’uomo e sul suo coinvolgimento nella vicenda.

Presidente della circoscrizione “Un fatto annunciato”

Luca Deri, presidente della circoscrizione, ha dichiarato che un fatto del genere era stato ipotizzato e le Forze dell’Ordine erano state avvisate di questa ipotesi. Alcuni senzatetto non vogliono dormire nei dormitori e questo diventa un problema anche in vista del freddo in arrivo.

clochard dato alle fiamme

C’è stata anche una richiesta di chiudere diversi giardini durante la notte per fare in modo che i clochard accettino di andare nei dormitori. Inoltre, il comitato di riqualificazione del quartiere ha richiesto l’installazione di telecamere di sicurezza per fornire un aiuto in più nel controllo del territorio.

Redazione CriminalMente



Leave comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: