fbpx
Contagiò con l'HIV

Contagiò con l’HIV trentadue donne: condannato. Si è conclusa con una sentenza di condanna, la triste vicenda delle donne contagiate da HIV.



L’uomo, Valentino Talluto, era conosciuto nel mondo di internet come “Harty Style“. Frequentava diversi siti d’incontri e dal 2006 era consapevole di essere sieropositivo. Ma non lo comunicava alle sue partner sessuali con le quali faceva sesso non protetto.

Contagiò con l'HIV

Contagiò con l’HIV trentadue donne: anche una minorenne tra le vittime

Tutta la storia è caratterizzata da passaggi scioccanti. Come il suo rapporto con Cinzia (nome di fantasia) che aveva 14 anni quando cominciò ad avere rapporti sessuali con Valentino. Che di anni ne aveva 23, all’epoca dei fatti. La ragazza ha scoperto di essere sieropositiva solo dopo che la procura le ha consigliato di fare il test.

Contagiò con l'HIV

Un’altra ragazza, anch’essa anonima, era rimasta incinta ma ha deciso di abortire. Tuttavia, ci sono ancora tante donne che, forse, hanno il virus e non lo sanno. Per questa ragione, i magistrati hanno chiesto a Talluto di compilare una lista, ma l’uomo ha dichiarato di non poterli aiutare.

La sentenza di condanna

A giudicare Valentino Talluto sono stati i giudici della III Corte d’Assise di Roma. La camera di consiglio è durata oltre 10 ore. I PM avevano chiesto l’ergastolo, mentre la difesa aveva sostenuto che non voleva trasmettere il virus. Inoltre, secondo i difensori di Talluto, l’etichetta di “untore” che ha ricevuto dall’opinione pubblica, rappresenta per l’uomo un “fine pena mai“.

Contagiò con l'HIV

Valentino Talluto è stato condannato a 24 anni di carcere. Riconosciuto il reato di lesioni aggravate, e caduto il reato di epidemia dolosa. Al momento della sentenza, l’uomo non ha mostrato alcun tipo di reazione. Le vittime presenti in aula, invece, si sono abbracciate, piangendo.

Resta il fatto che Valentino Talluto, fino ad oggi, non si è mai pentito dei reati commessi e non ha mai chiesto scusa alle vittime per le sue azioni.

 

Redazione CriminalMente



Leave comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: