fbpx
dearcatcallers

Dearcatcallers. Se scrivete questo nome su instagram vi ritroverete davanti a qualcosa di inusuale. Una serie di selfie, quasi tutti uguali, con la stessa donna, ma con uomini sempre diversi.



Se avete letto il titolo di questo articolo, avrete subito capito di cosa si tratta. Non è una ragazza che fa un selfie al giorno con un amico diverso. Al contrario, gli uomini nel selfie non sono affatto amici (e probabilmente neanche uomini). Sono molestatori.

Dearcatcallers: non è un complimento

Catcaller è una parola dello slang inglese che si riferisce al suono emesso da un ragazzo per attirare l’attenzione di una ragazza. Più nello specifico, il suono può essere il classico fischio, oppure una frase dal contenuto sessuale. Nulla a che vedere con il corteggiamento, ma neanche con il discernimento.

dearcatcallers

A creare questo account sul popolare social network di instagram è stata una ragazza di 20 anni, Noa Jansma. L’intento era quello di far capire al mondo di internet come e quanto viene molestata una donna. Per un periodo di un mese, Noa ha postato un selfie insieme al molestatore, ogni volta che è stata importunata da qualcuno.

L’esperimento è terminato…oppure no

Dopo un mese, Noa ha postato 24 fotografie con 38 molestatori. Alcuni erano da soli, altri in gruppo. Alcuni erano a piedi, altri in macchina. Tutti accomunati dal medesimo commento sessuale inopportuno ai danni della ragazza.

“Molti di loro – ha spiegato in uno dei post – pensano che farsi un selfie sia cool. Sorridono e fanno il segno dell’ok con la mano. Questo è un messaggio per tutti i genitori dei ragazzi: educateli affinché le ragazze non siano costrette a confrontarsi con questo schifo“.

dearcatcallers

L’esperimento di Noa è terminato, ma Dearcatcallers sta per passare di mano. Su instagram si legge: “Il mio mese di post è finito, ma questo non significa che i catcallers siano finiti. Per mostrare che questo è un fenomeno globale e che questo progetto artistico non riguarda solo me, passerò questo account a ragazze diverse da altre parti del mondo“.

C’è soltanto da sperare che il progetto abbia sempre meno foto mensili, fino a dover eliminare dallo slang la parola catcaller.

Classic 2.0 “psssst, whoooooop, Can he have your number?” #dearcatcallers

Un post condiviso da dearcatcallers (@dearcatcallers) in data:

#dearcatcallers “I know what I would do with you, baby”

Un post condiviso da dearcatcallers (@dearcatcallers) in data:

Redazione CriminalMente



Leave comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: