fbpx
Delitto in zona rossa: l'autopsia rivela una crudele aggressione
Delitto in zona rossa

Esame autoptico per l’omicidio di Emilio Maggiacomo. Il delitto in zona rossa avvenuto a Fondi (Latina) rivela una crudele aggressione. L’uomo, un contadino di 69 anni, è stato ucciso il 23 marzo, mentre stava lavorando all’interno della sua proprietà.

Delitto in zona rossa: l’autopsia

L’autopsia è stata svolta dal medico legale Alessandro Mariani, nominato dalla procura. Il medico è stato assistito da Daniela Lucidi e Francesco Loreti, consulenti nominati rispettivamente dai familiari della vittima e dalla difesa. Terminato l’esame autoptico, Mariani è giunto alla conclusione che la vittima sia morta a causa di un numero multiplo di lesioni, inferte con un corpo contundente.

A seguito di queste nuove informazioni, la versione rilasciata da Abdul Majid Khan, è stata confutata. Il 44enne, residente in Italia da più di venti anni, di origine pakistana, è stato messo in stato di fermo dagli agenti del Commissariato della Piana.

L’interrogatorio

Da ciò che è emerso dall’interrogatorio, svolto dal giudice per le indagini preliminari, il 44enne si sarebbe trovato per sbaglio nella proprietà della vittima. Per motivi di lavoro sarebbe dovuto arrivare a Itri. Trovandosi la strada sbarrata a causa delle restrizioni territoriali adottate per il coronavirus, l’uomo avrebbe tentato di aggirare i blocchi passando per strade alternative, finendo così nel terreno del contadino.

Secondo quanto riportato dall’arrestato, Maggiacomo in quel momento stava lavorando alla sua vigna e, vedendolo nella sua proprietà, lo ha scambiato per un malintenzionato. È partita così la lite, degenerata quando il 69enne ha provato a colpirlo con un bastone. A questo punto, senza reagire, Khan afferma di essere tornato alla sua auto e di essersi allontanato.

Come anticipato, l’autopsia ha rivelato un finale differente. L’esame mostra come la vittima abbia riportato traumi in più punti, sul torace, sul volto, e sulle mani. Lesioni riconducibili a un oggetto rigido, stretto e lungo che ancora non è stato ritrovato.

 

Riproduzione riservata.

Leave comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: