fbpx
giornata della memoria

In occasione della Giornata della Memoria 2018, abbiamo pensato che le migliori parole da utilizzare erano già state scritte da Primo Levi, nel 1947.



Oltre a riportarvi queste parole, abbiamo pensato di segnalarvi due eventi dedicati al tema della Memoria. Il primo è a Torino, al Museo del Carcere “Le Nuove”. Il secondo è a Roma ed è stato organizzato dalla compagnia teatrale I Servitori dell’Arte. Vi postiamo qui i link dell’evento, con tutte le informazioni che possono esservi utili:

Fateci sapere se conoscete altri eventi pubblici interessanti in giro per l’Italia e segnalateli nei commenti a questo articolo, in modo che tutti possano partecipare.

Giornata della Memoria 2018

giornata della memoria

Se questo è un uomo di Primo Levi

Voi che vivete sicuri
Nelle vostre tiepide case,
Voi che tovate tornando a sera
Il cibo caldo e visi amici:

Considerate se questo è un uomo
Che lavora nel fango
Che non conosce pace
Che lotta per mezzo pane
Che muore per un sì o per un no.

Considerate se questa è una donna,
Senza capelli e senza nome
Senza più forza di ricordare
Vuoti gli occhi e freddo il grembo
Come una rana d’inverno.

Meditate che questo è stato:
Vi comando queste parole.
Scolpitele nel vostro cuore
Stando in casa andando per via,
Coricandovi alzandovi;
Ripetetelele ai vostri figli.

O vi si sfaccia la casa,
La malattia vi impedisca,
I vostri nati torcano il viso da voi.



Primo Levi

Primo Michele Levi è stato uno scrittore, partigiano e chimico italiano, autore di racconti, memorie, poesie e romanzi.

Partigiano antifascista, il 13 dicembre 1943 venne arrestato dai nazifascisti in Valle d’Aosta venendo prima mandato in un campo di raccolta di tutti gli ebrei a Fossoli e nel febbraio dell’anno successivo, deportato nel campo di concentramento di Auschwitz in quanto ebreo. Scampato al lager, tornò avventurosamente in Italia, dove si dedicò con impegno al compito di raccontare le atrocità viste e subite.

giornata della memoria

Il suo romanzo più famoso, sua opera d’esordio, Se questo è un uomo, che racconta le sue terribili esperienze nel campo di sterminio nazista, è considerato un classico della letteratura mondiale, inserendosi nel filone della memorialistica autobiografica e nel cosiddetto neorealismo.

Laureato in chimica, in alcune delle sue opere appaiono riferimenti diretti e indiretti a questa branca della scienza.

Fonte della biografia di Primo Levi: Wikipedia.

Redazione CriminalMente



Leave comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: