fbpx
Il figlio chiama il 112: in manette il padre violento – CriminalMente
Tempo di lettura: < 1 minuto

Anni di vessazioni, fisiche e psicologiche, nei confronti della moglie. La donna è stata pesantemente insultata, minacciata. E poi le botte: pugni, schiaffi, calci. Anche nella notte, per impedirle di prendere sonno. E, ancora, le violenze sessuali.



C’è voluto il coraggio del figlio, 12 anni, che, durante l’ultimo episodio, ha trovato il coraggio per chiamare i Carabinieri. Così, sono scattate le manette per il padre, un uomo di 40 anni, con l’accusa di maltrattamenti in famiglia, lesioni personali e violenza sessuale.

La ricostruzione dei fatti da parte delle Forze dell’Ordine

I fatti, avvenuti in provincia di Reggio Emilia, risalgono allo scorso agosto. Il ragazzo ha chiamato il 112 che si è subito attivato. I Carabinieri, dunque, hanno fatto partire le indagini e hanno scoperto una realtà familiare violenta. Si torna indietro al 2013, secondo la ricostruzione fatta alle Forze dell’Ordine. Tra gli ultimi episodi, l’uomo avrebbe costretto la donna a subire atti sessuali completi davanti ai figli minori.



Il caso, purtroppo, non è isolato: a settembre 2019, un 17enne aveva fatto arrestare il padre violento a Gravina di Catania, mentre a giugno, sempre un ragazzino di 12 anni, aveva denunciato il padre violento a Castellamonte, in provincia di Torino.



Roberto Molino

Redazione CriminalMente





Leave comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: