fbpx
Intelligence investigativa: analisi strategica e analisi operativa
intelligence investigativa

Secondo la definizione proposta dall’esperto americano David Steele, l’attività di intelligence è “l’arte di conoscere i piani e le intenzioni dell’avversario“, dato che non è solo sufficiente ottenere delle informazioni, ma bisogna anche valutarle, analizzarle e interpretarle.

In effetti, per prevenire le attività criminali, la migliore arma che può essere utilizzata è l’intelligence investigativa. In breve, l’intelligence investigativa consiste in un’attività di ricerca, selezione, analisi e distribuzione delle informazioni relative a ciò che accade o sta per accadere sul territorio e che riguarda le intenzioni del/dei criminale/i.

Intelligence investigativa: analisi strategica

L’intelligence investigativa si esplica attraverso due principali tipologie di analisi: l’analisi strategica e l’analisi operativa. Tuttavia, non esiste una differenziazione netta tra i due tipi di analisi, in quanto esse rappresentano l’una la continuazione dell’altra.

L’analisi strategica si concentra sugli obiettivi a lunga scadenza ed esamina le realtà emergenti:

  • nell’ambiente criminale
  • delle minacce alla sicurezza e all’ordine pubblico
  • nella possibilità di svolgere azioni di controllo, sviluppare programmi alternativi e percorsi finalizzati al cambiamento delle politiche, delle legislazioni e dei programmi sociali

Al termine del percorso dell’analisi strategica, si ottengono 3 tipi di prodotti di intelligence:

  1. rapporti di situazione, ovvero rapporti descrittivi orientati all’analisi della situazione attuale della criminalità
  2. valutazione della minaccia, cioè rapporti in cui si prende in considerazione il grado di impatto della criminalità sul territorio in esame
  3. esame dei rischi, ossia rapporti che evidenziano i settori più deboli e vulnerabili del territorio e in cui si potrebbero manifestare atti criminali

L’analisi operativa

Diversamente dall’analisi strategica, che riguarda ambiti più generali, l’analisi operativa si riferisce ad ambiti più ristretti. In particolare, tiene conto di:

  • gruppi criminali in via di formazione
  • metodologie usate nell’hic et nunc da parte della criminalità
  • sviluppo delle capacità criminali e delle operazioni illegali

Si nota, dunque, come l’analisi operativa agisce su un raggio d’azione molto più ristretto ed è orientata verso obiettivi a breve termine. A riguardo, essa:

  • si rivolge all’analisi dei fatti in corso
  • ha un’immediata ricaduta sulla prevenzione e sulla repressione della criminalità
  • pone l’attenzione su crimini specifici

In aggiunta, questo tipo di analisi di intelligence necessita di schematizzazioni, realizzate attraverso grafici di collegamento, grafici di flusso dei beni, grafici degli aventi, grafici di attività, tabelle comparative, flussi telefonici e analisi finanziarie.

 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: