fbpx
Morto Totò Riina - CriminalMente
morto totò riina
Tempo di lettura: 2 minuti

Morto Totò Riina. Si è spento oggi, 17 novembre 2017, il giorno successivo al suo ottantasettesimo compleanno, il boss Totò Riina. Dopo essere entrato in coma in seguito all’aggravarsi delle condizioni di salute, è morto nel reparto detenuti del centro medico del carcere di Parma.



Nato in una famiglia di contadini, ben presto entra in contatto con la mafia corleonese. Subisce la prima condanna all’età di 19 anni e già agli inizi degli anni Cinquanta inizia la sua ascesa in Cosa Nostra.

morto totò riina

Morto Totò Riina, “l’uomo delle stragi”

Definito “l’uomo delle stragi”, viene condannato a 26 ergastoli, per stragi mafiose e omicidi, compresi quelli di Mattarella, La torre, Dalla Chiesa, Falcone, Borsellino e Chinnici. Latitante dal 1969 venne arrestato davanti alla sua villa di Palermo nel gennaio del 1993.

morto totò riina

Dal dicembre 1995, viene rinchiuso nel supercarcere dell’Asinara, in Sardegna, per poi essere trasferito ad Ascoli Piceno. Viene sottoposto al carcere duro 41-bis, previsto per chi commette reati di mafia. Tra le altre disposizioni, il condannato non interagisce con gli altri detenuti durate le “ore d’aria” e ha un numero molto limitato di telefonate e incontri con i familiari e gli avvocati. Uno o due al mese.

Lo stato di salute del boss

A partire dal 2003 le sue condizioni di salute iniziano ad essere precarie. Subisce un intervento chirurgico per problemi cardiaci e viene ricoverato per un infarto. Nel 2017, gli avvocati di Riina fanno richiesta al Tribunale di sorveglianza di Bologna per il differimento della pena a detenzione domiciliare. Sottopongono, come motivazione, il suo stato di salute che va sempre più peggiorando. Il Tribunale si pronuncia negativamente.

Questa richiesta scatena una bufera nell’opinione pubblica. Come afferma Don Luigi Ciotti “certo c’è una persona malata, al quale lo Stato deve riservare un adeguato trattamento terapeutico a prescindere dai crimini commessi, ma c’è anche una vicenda di violenza, di stragi e di sangue che ha causato tante vittime e il dolore insanabile dei loro famigliari”.

Toccante è il commento di Rita Dalla Chiesa: “mio padre una morte dignitosa non l’ha avuta, l’hanno ammazzato lasciando lui, la moglie e Domenico Russo in macchina senza neanche un lenzuolo per coprirli.”

morto totò riina

La fine

Negli ultimi mesi le condizioni di Riina sono peggiorate, fino ad oggi, giorno della morte. Si chiude così, la storia di uno dei personaggi più di spicco del panorama mafioso italiano e se vanno con lui molti misteri e segreti che con il suo serrato silenzio, non ha mai voluto svelare.

Giulia Puzzo

Redazione CriminalMente



Leave comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: