fbpx
Niente multe ai padri separati che non vedono i figli
padri separati
Tempo di lettura: 2 minuti

Il diritto alla visita dei padri separati non è monetizzabile. La Corte di Cassazione ha annullato una serie di multe, da 100 euro ciascuna, fatte a un padre per ogni incontro saltato con il proprio figlio minore.

I giudici hanno stabilito che non si possono punire, con sanzioni economiche, i genitori con i quali i figli non vivono e che non esercitano il diritto di visita stabilito dal giudice.

Padri separati: il diritto alla visita

La Cassazione, per quanto concerne il diritto alla visita ha affermato:

Esso è destinato a rimanere libero nel suo esercizio

Nessun valore monetario, dunque, ma percorsi che possano migliorare i rapporti.

Da parte di alcuni esperti del settore c’è forte perplessità rispetto a questa sentenza. Uno di questi è Alessandro Simeone, avvocato del Comitato scientifico de “Il Familiarista”:

Difficile commentare senza aver tutta la sentenza, ma la decisione mi stupisce, perché in più casi la stessa Cassazione ha sottolineato che le visite non sono soltanto un diritto del genitore, ma principalmente un diritto del figlio.

Così come l’articolo 793ter del Codice di procedura civile prevede sanzioni per il genitore che ostacola gli incontri tra i figli e l’altro genitore, e di proposito non parlo di genitore collocatario o non collocatario, dovrebbe essere multato chi non esercita il diritto di visita stabilito dal giudice.

Il caso del padre che non voleva vedere il figlio

Questa sentenza arriva a seguito di un ricorso fatto da un padre che si rifiutava di avere qualsiasi tipo di rapporto con il figlio. Anche il riconoscimento è stato difficoltoso, dato che arrivò dopo una lunga causa sulla paternità.

Il Tribunale di Chieti aveva imposto al padre di versare 100 euro, alla madre del bambino, tutte le volte che saltava una visita. Recentemente, la Corte d’Appello de L’Aquila aveva confermato le sanzioni. Ma l’uomo ha deciso di fare ricorso sulla base del fatto che il diritto alla visita sia non coercibile, dunque, libero. La Cassazione ha dato ragione a questo padre. Tuttavia, sarà necessario aspettare la sentenza completa per comprendere la ratio.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: