fbpx

Trovato il corpo di Sara Luciani. Il canale Muzza, alla fine, ha restituito il corpo di Sara Luciani, la ragazza scomparsa a Melzo qualche giorno fa. Nei giorni scorsi era stato ritrovato anche il fidanzato, Manuel Buzzini, suicida.



Il corpo della giovane donna galleggiava nel canale, non distante dalla centrale idroelettrica di Paullo dove era già stato ritrovato il paraurti della Volkswagen Golf di proprietà di Buzzini.

Trovato il corpo di Sara Luciani. Ora le indagini

Il corpo sarebbe stato scoperto da un passante intorno alle 15 della giornata di ieri. Immediato l’intervento dei sommozzatori, che stanno ancora cercando l’auto di Buzzini. Alle 15:30, in attesa del medico legale, è accorso sul posto Federico Lorenzini, sindaco di Paullo.

Trovato il corpo di Sara Luciani

Sulle cause del decesso della donna non ci sono ancora state comunicazioni. L’esposizione del corpo all’acqua e i segni dovuti agli ostacoli incontrati nel canale potrebbero complicare l’autopsia. Per quanto riguarda Buzzini, ad una analisi preliminare non sono stati riscontrati segni di violenza o di collutazione sul corpo. Inoltre, un primo test ha confermato la presenza di cocaina nel corpo dell’uomo.

L’ipotesi più accreditata e il testimone

In queste ore si ritiene che la migliore delle ipotesi possa essere quella che Manuel Buzzini, 31 anni, abbia ucciso Sara Luciani, 21, e, successivamente, abbia spinto la propria auto, con all’interno il corpo della donna, nel canale Muzza. Successivamente, l’uomo si sarebbe diretto a casa della nonna dove, dopo aver scavalcato il recinto, si sia impiccato nel cortile. L’anziana lo ha poi trovato la mattina successiva con gli abiti ancora zuppi d’acqua e con le scarpe sporche di fango.

Trovato il corpo di Sara Luciani

Intanto sarebbe spuntato fuori un testimone che avrebbe passato la serata in compagnia di Manuel e Sara, ma che avrebbe dichiarato di essere stato riaccompagnato a casa e di non sapere cosa sia successo dopo. Nei prossimi giorni gli inquirenti potranno fornire maggiori dettagli su questa triste vicenda.

Il video dell’Huffington Post

Roberto Molino

Redazione CriminalMente



Leave comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: