fbpx
Uccisa a coltellate a San Teodoro, aveva 28 anni. - CriminalMente
uccisa a coltellate

Si chiamava Erika Preti, aveva 28 anni ed è stata uccisa a coltellate. La donna, originaria di Biella, si trovava in vacanza a San Teodoro con il suo compagno, Dimitri Fricano. L’uomo è ora ricoverato in ospedale con lievi ferite.

La coppia era ospite di una famiglia biellese che, da tempo, vive a San Teodoro, nella frazione denominata Lu Fraili. A lanciare l’allarme sono stati i vicini di casa in seguito alle urla provenienti dall’abitazione.

uccisa a coltellate

Uccisa a coltellate: la ricostruzione del compagno

La prima persona a fornire una testimonianza dell’accaduto è stato proprio Dimitri Fricano. L’uomo racconta che la coppia si stava preparando per fare un giro dell’isola di Tavolara. In quel preciso momento stavano preparando, in cucina, i panini per il pranzo della giornata. Poi l’aggressione. Fricano racconta di un tentativo di rapina, nel quale lui è stato colpito alla testa come dimostra il vistoso ematoma nella parte superiore dell’occhio.



La donna, invece, sarebbe stata raggiunta da diverse coltellate inferte con il coltello che stava utilizzando. L’arma del delitto è stata ritrovata sulla scena del crimine. Per verificare la veridicità dei fatti bisognerà attendere l’esito delle indagini dei Carabinieri. Il magistrato ha disposto l’autopsia sul corpo della giovane donna affidando l’incarico al medico legale Vindice Mingioni.

uccisa a coltellate

Le piste seguite dagli inquirenti

Sono al lavoro i Carabinieri di San Teodoro, con a capo il maresciallo Pischedda, e quelli di Siniscola. Sul posto anche il procuratore di Nuoro Andrea Garau, e i comandanti provinciale dell’Arma Saverio Ceglie e della compagnia, Andrea Leacche. Gli investigatori seguono, attualmente, due piste.

La prima è quella della rapina. Come dichiarato da Fricano, la coppia sarebbe stata aggredita a scopo di rapina. Fricano ha descritto un uomo scuro di carnagione, con i capelli rasati. Avrebbe sottratto dalla casa due Rolex e un borsellino con 500 euro.

Tuttavia, i Carabinieri stanno indagando anche su Dimitri Fricano. La procura lo ha iscritto nel registro degli indagati, ma questo è un atto formale previsto dalla procedura. Ma gli inquirenti devono valutare anche questa seconda pista che punterebbe il dito contro l’uomo che potrebbe aver ucciso la fidanzata in seguito a una violenta lite. La coppia che ospitava i Erika e Dimitri respinge questa possibilità affermando che i due avevano un sano e felice rapporto di coppia.

Intanto, il corpo di Erika verrà restituito ai familiari, dopo l’autopsia, che hanno deciso di cremarla e riportare le ceneri a Biella. Dopo i risultati del medico legale, gli inquirenti potranno cominciare a vagliare delle ipotesi concrete.

uccisa a coltellate

Roberto Molino

Fonti: Adnkronos; Repubblica; La Nuova Sardegna.

 

Leave comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: